Notizie romane

Notizie rilevanti dal mondo culturale di Roma

Notizie Romane

INel libro recentemente presentato da Elmar Bordfeld sul pittore paesaggista Joseph Anton Koch, alcune pagine sono dedicate anche al rilegatore d'arte Costantino Glingler. Questo mi spinge ad aggiungere alcuni dettagli interessanti su questo rilegatore e la sua connessione con il Campo Santo Teutonico e l'Istituto Romano della Società Görres.

Leggi tutto...

Il 20 dicembre 2008, Papa Benedetto XVI ha ricevuto il Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana in udienza privata nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico. Che io sappia, i Papi hanno finora ricevuto l'Istituto in udienza solo due volte, la prima volta fu Pio XI alla fondazione dell'Istituto nel 1925, la seconda volta fu Benedetto XVI. Pio XII, che era stato addirittura Gran Cancelliere dell'Istituto come Segretario di Stato e su richiesta del quale quattro professori fecero ricerche sulla tomba di San Pietro, sorprendentemente non ricevette l'Istituto. Questo forse perché negli anni '40 e '50 era in uno stato desolante.

Il Video

In superficie, questo può essere vero. Tuttavia, una giuria che dovesse dare un'occhiata più da vicino in un concorso per la più bella piazza barocca del mondo relegherebbe Piazza San Pietro molto in fondo al gruppo delle piazze maltrattate. Dopo che è stato già sfigurato decenni fa con quattro grandi schermi ed enormi altoparlanti, dopo che il furgone della posta è parchegiato lì da molti anni, dopo che una grande nave di metallo si è arenata lì nel frattempo e innumerevoli brutte porte di sicurezza e nastri trasportatori sono stati avvitati nei colonnati, ora sono stati installati anche brutti segnali di uscita in modo che uno possa scappare il più velocemente possibile.  

Molte persone non conoscono la storia del Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana, fondato nel 1925. Cosa fa in realtà? Chi sono i suoi capi? Coloro che vogliono avere rapidamente un'impressione storicamente affidabile dei 95 anni dell'Istituto possono ora consultare online i fascicoli dei programmi annuali. I programmi contengono principalmente i corsi e altri eventi accademici. Dal 1957/58 includono anche una cronaca ("Vita dell'Istituto"), e dal 1967/68 ogni docente pubblica anche la sua attività ("attività scientifica"). All'inizio i libretti contenevano solo poche pagine, nel frattempo 120 pagine.

all'archivio dei programmi accademici 

Il rinviato corso introduttivo di Archeologia Cristiana presso il Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana inizierà ora con un programma adattato il 10 aprile. Alcuni posti sono ancora disponibili. Il corso vale 6 crediti e costa 300,-. Registrazione con Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

ulteriori informazioni

Il Frater Markus Pillat SJ, nato a Colonia, che per quasi 20 anni ha lavorato nel "Germanicum et Hungaricum" come bibliotecario e archivista, si trasferisce all'inizio di giugno al Collegio dei Gesuiti di Innsbruck. Pillat ha contribuito molto alla memoria della storia dei gesuiti a Roma, per esempio con i suoi contributi nel "Korrespondenzblatt" (Biblioteca del Campo Santo: X 18), ma anche con il suo contributo nel prossimo numero di maggio della Römische Quartalschrift, in cui apparirà un suo saggio sulla questione della nazionalità nel Germanicum. Il contributo risale alla sua conferenza tenuta durante il convegno "Tra Corone e Nazioni" al Campo Santo Teutonico.

L'Ordine Domenicano ha una grande storia e in realtà dovrebbe fare la storia ancora oggi. Fa praticamente parte dell'eredità eterna dell'Ordine dei Predicatori condurre un'esistenza squisitamente di nicchia. Questo vale anche per l'Istituto Storico, che mantiene comunque viva la memoria della missione, della visione e della realtà degli 800 anni di storia. Esso viene diretto da Viliam Stefan Dóci. Attualmente, l'Istituto viene ancorato più saldamente all'Università Angelicum e allo stesso tempo gli viene dato un profilo più alto. Il sito web ora dà un'immagine migliore del lavoro. L'Istituto è ora anche membro dell'Unvione Internazionale degli Istituti di Archeologia, Storia e Storia dell'Arte di Roma. L'Istituto ora offre anche interessanti conferenze:

prossima conferenza 18 marzo su Garrigou-Lagrange OP

Venerdì 26 febbraio, Paul Oberholzer dell'Università Gregoriana e Alberto Bartola della Sapienza organizzeranno una giornata di studio sul tema: "Saeculum Obscurum - Papato e Roma nei riflessi di un secolo controverso". Il cosiddetto/preteso/presunto? secolo buio del papato si riferisce tradizionalmente al X secolo: Materiale per i miti e incentivo alla demitizzazione. La partecipazione non richiede registrazione. Durata: dalle ore 9 alle 18.

giornata

Deadline del Call for Papers: 15 marzo

La Facoltà di Storia e Beni Culturali della Chiesa insieme con le università romane Sapienza e Roma Tre invita alla giornata di studio al 15 ottobre sulla questione: Che ruolo giocano le arti per la diplomazia internazionale della Curia Romana dall'umanesimo fino al totalitarismo. 

ulteriori informazioni

L'Istituto Storico Germanico ha pubblicato il centesimo volume della sua rivista della casa "Quellen und Forschungen aus italienischen Archiven und Bibliotheken" (Fonti e ricerche da archivi e biblioteche italiane), fondata nel 1898. Tali progetti erano en vogue all'epoca. L'Istituto Romano della Società Görres aveva già lanciato le sue "Quellen und Forschungen aus dem Gebiet der Geschichte" nel 1892, anche se non come un annuario ma come una serie.

Leggi tutto...