Suggerimenti di lettura

Il rinascimento delle "chiese domestiche"

Al tempo dell'"isolamento forzato" si fanno anche molte considerazioni pastorali su come mantenere la vita ecclesiale. I suggerimenti vanno dalla lettura della Bibbia a casa ai corsi di cucina. Ma anche le "chiese domestiche" vengono riscoperte. A mio parere, un nuovo modo di pensare dovrebbe iniziare da qui per evitare di proporre ricette che non hanno un vero fondamento biblico. Sicuramente il padre francescano e professore di esegesi Hans-Josef Klauck ha rappresentato con forza il concetto di chiese domestiche a Monaco di Baviera e ha trovato grande approvazione.  

Era l'affascinante pensiero che il primo cristianesimo sia costruito a partire dalle chiese domestiche. E deve sembrare un atto di sacrilegio mettere in discussione questa immagine. L'affermazione che le chiese domestiche nel Nuovo Testamento non possono essere affatto provate deve sembrare ancora più audace. Naturalmente, anche nel I°/2° secolo i cristiani si riunivano nelle case e non vivevano sotto i ponti. Naturalmente hanno anche pregato nelle case e letto insieme le Scritture, almeno questo è ciò che dobbiamo supporre. Ma l'idea di vere e proprie "chiese domestiche" con celebrazioni eucaristiche in una cerchia familiare privata, cioè l'idea di "chiesiola", non si trova negli Atti degli Apostoli o in Paolo.

Lì non esiste nemmeno la parola "chiesa domestica". Questa parola coniatura è un'invenzione contemporanea che non si trova nel testo greco del Nuovo Testamento. La traduzione ufficiale della CEI traduce giustamente gli Atti 2,46 come segue: "(I cristiani a Gerusalemme) spezzavano il pane a casa". Esatto: non parla di chiese domestiche. Si parla solo della distribuzione del pane e del pasto comune in una casa che è in contrasto con l'assemblea nel tempio. Tutto il resto è interpretazione. Nessuno sa cosa si intende veramente per "spezzare il pane". Può significare semplicemente il pasto comune; in ogni caso, non c'è nulla sull'Eucaristia.

Per inciso, Atti e Paolo presuppongono sempre un'unica chiesa di culto che comprenda tutti i cristiani di una città, cioè quella che oggi verrebbe chiamata "chiesa locale". Questa è la "Chiesa di Dio" (1 Cor 11,22), di cui parlano Paolo, gli Atti degli Apostoli e, per esempio, l'Apocalisse di Giovanni. Questa "chiesa" non si riunisce esplicitamente in una casa privata o anche in più case private. Paolo, infatti, conosce un'unica riunione cultuale a Corinto, ad esempio, e invita coloro che non possono comportarsi correttamente in quel luogo: "se qualcuno ha fame, mangi a casa" (1 Cor 11,34). Al culto invece non si è "a casa".

Da nessuna parte negli Atti si trovano prove di una frammentazione del cristianesimo in diverse chiese domestiche. Al contrario, l'unità del culto di tutti i cristiani in una città è sempre sottolineata (At 2,44). Perché è rilevante? Perché le fantasie della chiesa domestica, per tutte le loro buone e pie intenzioni, si allontanano chiaramente dal testo biblico. Non c'è mai stata una liturgia privata, ma sempre e solo la liturgia apostolica comunitaria. Può sembrare molto plausibile che il cristianesimo sia iniziato in piccolo, nella cerchia familiare. Ma questa è in definitiva un'idea moderna.

Da tutta l'opera missionaria di Paolo sappiamo che, sebbene i missionari restassero in case private di ricchi, l'Eucaristia non era proprietà privata di ricchi che potevano permettersi "chiese domestiche". Il primo cristianesimo non era nelle mani dei ricchi. Certo, qualcuno avrebbe voluto mettere a disposizione una grande sala, ma era per tutti, non solo per pochi eletti! Il culto era inclusivo-città, non esclusivo-privato. In ogni caso, l'Eucaristia è stata celebrata da "tutta la Chiesa nello stesso luogo" (1 Cor 14,23), cioè da tutti i cristiani della città, insieme, ovviamente in una grande sala, almeno non negli "appartamenti" privati che servono "per mangiare e bere" (1 Cor 11,22).

Il culto comune di Corinto descritto da Paolo in questa occasione è eminentemente pubblico. Vi partecipano numerose persone, che insieme portano molti doni spirituali, carismi, così tanti da dar fastidio ad alcuni. Paolo non dice, però, che chi non è soddisfatto qui, chi disturba qui, può scegliere un'altra chiesa domestica, più liberale o più conservatrice, e continuare lì. No, perché non ci sono chiese domestiche, ma solo l'unica chiesa di Dio sul posto, e quella si deve mettere insieme. Paolo non dice neanche: Siamo ormai in troppi qui, non va più bene con tante persone, iniziamo una nuova chiesa domestica con una seconda e una terza "Tavola del Signore"! Niente del genere, perché ci può essere solo la "Mensa del Signore" e il "Calice del Signore" (1 Cor 10,21)! La chiesa locale deve rimanere unita. Per questo motivo le lamentele nelle riunioni cultuali di Corinto non sono rimaste nascoste in una cerchia privata, ma sono state spietatamente comunicate a tutti da Paolo in una lettera pubblica (la Prima Lettera ai Corinzi), destinata fin dall'inizio alla pubblicazione o alla presentazione pubblica.

Soprattutto per il periodo del Nuovo Testamento diventa abbondantemente chiaro che l'Eucaristia comune doveva essere apostolicamente autorizzata. Paolo inizia le sue severe ammonizioni sul giusto ordine di culto (1 Cor 9-11) con le parole: "Non sono forse un apostolo? Se non sono un apostolo per gli altri, lo sono per voi. Perché nel Signore tu sei il sigillo del mio apostolato". Paolo non doveva essere preso alla leggera. L'Eucaristia non è stata certo una scelta arbitraria dei padri di famiglia e delle madri, dei padroni di casa e delle signore della casa. Chi legge attentamente le lettere di Paolo, soprattutto 1 Corinzi e la fondamentale Lettera ai Romani, si rende subito conto che tutto dipendeva semplicemente dall'autorità apostolica che stabiliva un concetto gerarchico centrale.

E che dire della famosa "formula della casa chiesa" di Paolo? Fumo e specchi! Una tale formula della chiesa domestica è un'invenzione dell'esegesi. Certo, Paolo saluta o si fa salutare da e per un "ekklesia kat'oikon". Senza entrare in ulteriori dettagli, tuttavia, si può dire che questa espressione non significa altro che "assemblea nella casa" (non "chiesa domestica"), senza alcun collegamento con le funzioni religiose o gli eventi religiosi. Inoltre non è un'istituzione stabile e sedentaria, ma un'assemblea temporanea. Paolo qui usa la parola "ekklesia" in greco ordinario per "montaggio". Questo non ha nulla a che vedere con la "chiesa di Dio" di cui parla di solito. 

Paolo parla sempre e solo di "assemblea in casa" nei suoi saluti alla fine delle sue lettere (Rm 16,5; 1 Cor 16,19; Col 4,15; Fil 1f). Ha sempre in mente qualcosa di molto specifico, cioè il suo team di missione. Paolo non era un povero, nemmeno un combattente solitario. Piuttosto, era un missionario che andava di città in città con una grande squadra di missionari. Per esempio, quando scrisse la sua spessa lettera ai Romani, aveva bisogno di un'intera azienda logistica e di molti soldi: per stenografi, scrittori, organizzatori di papiri o pergamene, messaggeri, ecc. Così le sue squadre comprendevano i super ricchi Aquila e Priscilla.

Non tutti, ma molti membri delle sue squadre sono citati per nome nelle sue lettere. Questi collaboratori, che erano estremamente flessibili e dovevano viaggiare molto, erano con lui (Rm 16,23: "Vi saluta Gaio, che ospita me e tutta la ecclesia=communità in Corinto]") o precedevano i suoi viaggi. Così Aquila e Priscilla, che aveva una casa sia a Roma che a Efeso, viaggiarono davanti a lui con un'intera squadra a Roma (sono tutti nominati in Rm 16,1ss) per preparare il suo viaggio missionario (Rm 16,5). È ormai tipico che, per motivi pratici, le squadre non fossero sparpagliate in più alberghi in una città, ma rimanessero insieme il più possibile. Per questo motivo hanno soggiornato nella residenza di città - la "casa" - di un ricco mecenate per tutta la durata della loro missione. A Efeso e Roma era la "casa" dell'Aquila e di Priscilla, a Corinto era la "casa" di Gaio.

Tutti i saluti che Paolo dà o ha dato nelle sue lettere si riferiscono esattamente a queste squadre, che lui chiama "l'assemblea in casa". Si tratta quindi di una cosa piuttosto pragmatica che deriva dall'organizzazione missionaria di Paolo e non ha nulla a che vedere con le "chiese domestiche". Con il martirio di Paolo a Roma questo metodo di missione finisce. Questo spiega anche perché in tutta la letteratura paleocristiana Paolo parla da solo quattro volte del "raduno in casa". Nessun altro lo fa, e nessun altro in tutta la chiesa primitiva ha mai pensato di leggere nelle sue lettere le "case-chiesa" dei saluti di Paolo.

Tutto questo e molto altro ancora in   ALTAR UND KIRCHE      è il momento giusto per leggere!