Suggerimenti di lettura

Archeologia Cristiana a Münster da 135 anni

Dieter Korol e il suo successore Pamela Bonnekoh hanno pubblicato un libretto su 135 anni di ricerca e insegnamento dell'archeologia cristiana alla Westfälische Wilhelms-Universität Münster. È dedicato a Josef Engemann, il primo professore universitario della provincia Nord Reno-Westfalia a insegnare l'archeologia cristiana come materia indipendente in una facoltà filosofica (a Bonn). La storia dell'archeologia cristiana a Münster è, naturalmente, molto più antica. Iniziò nel 1885 con il sacerdote Max Sdralek alla Facoltà Teologica Cattolica.

Seguono nomi illustri come Anton Pieper, Franz Diekamp, Franz Joseph Dölger, Adolf Rücker, Johannes Quasten, Bernhard Kötting, Johannes Emminghaus, per citare solo i più importanti rappresentanti cattolici, tutti sacerdoti, di cui quasi tutti passarono qualche anno a Roma al Collegio del Campo Santo Teutonico. Quindi c'è davvero una chiara catena di tradizione qui. In questo piccolo e appassionante volume le linee sono tracciate in modo conciso. Oltre alla Facoltà Cattolica, anche la Facoltà Teologica Protestante e infine la Facoltà Filosofica hanno un ruolo. Qui Hugo Brandenburg e i due autori sono da menzionare per ultimi. Anche se attualmente la cattedra è ridotta, lo pieno studio della materia "Archeologia Cristiana" è ancora mantenuto a Münster in quattro corsi di studio.

al libro