La verità sull'immagine di Cristo nell'abside lateranense

Rainer Warland ha pubblicato il suo importante studio su "Das Brustbild Christi" come supplemento alla Römische Quartalschrift nel 1986. In essa entra nel dettaglio della famosa immagine miracolosa di Cristo, che si trova nel mosaico dell'abside della Basilica Lateranense. Il mosaico absidale originale potrebbero risalire al IV-V secolo. Tuttavia, il mosaico absidale paleocristiano fu rifatto da Torriti nel XIII secolo, con il trasferimento dell'immagine di Cristo dal vecchio mosaico a quello nuovo. Ma poi, nel 1902, sotto papa Leone XIII, nacque l'idea fatale di ampliare la Basilica Lateranense spostando l'intera abside di alcuni metri all'indietro. Qui è dove è avvenuta la catastrofe.

Anton de Waal, il rettore del Campo Santo Teutonico annotato nella sua cronaca il 30 giugno 1902:

"Haass (Spithöver) mi disse di avere una copia - pietra per pietra del tutto fedele - dell'immagine di Cristo nell'abside lateranense, fatta sull'impalcatura, prima che iniziasse il fabbricato nuovo. Il Papa aveva espressamente ordinato di fare particolare attenzione a questa parte del mosaico; tuttavia, quando fu rimosso, esso era stato fatto cadere e spezzato in pezzi, e l'attuale immagine di Cristo non era altro che una copia".

Questo è molto interessante. Joseph Spithöver intende dire che la sua copia fatta prima della catastrofe è stata usata al posto dell'originale rotto? I frammenti originali esistono ancora o sono stati fatti sparire per l'imbarazzo?