Dall'Istituto

Un necessario ringraziamento pubblico

di Stefan Heid

In questo anno di sfide speciali, mi sento in dovere di dire un grande, sentito ringraziamento a tutti coloro che stanno leggendo queste righe e a tutti coloro che sostengono e seguono le sorti dell'Istituto Romano. L'Istituto di Görres sa di essere sostenuto da una notevole simpatia, che è particolarmente evidente in questi tempi. Può sembrare banale ora, ma donazioni di oltre 11.000,- Euro in molti importi individuali quest'anno è una testimonianza notevole. A ciò si aggiungono i contributi dei nostri soci, che ammontano a 3.556,-. Vorrei cogliere l'occasione per esprimere il mio ringraziamento in modo più dettagliato e per motivarlo.

L'Istituto vive dei suoi 222 membri, che non sono affatto solo beneficiari, ma partecipano attivamente alla vita dell'Istituto in misura considerevole, alle conferenze, ai convegni, alle pubblicazioni e alle escursioni. L'Istituto è così diventato uno scambio di contatti personali al di là dei confini nazionali. Lo dimostra anche il fatto che ogni tanto singoli interessati e persino gruppi di viaggiatori che occasionalmente visitano Roma includono i nostri eventi nei loro programmi.

La base istituzionale per la prosperità dell'Istituto è il suo radicamento nel Campo Santo Teutonico, con la sua eccezionale storia e una cresciuta tradizione scientifica. Il Rettore Prelato Dr. Fischer e il Camerlengo Parmeggiani danno all'Istituto la massima libertà e il pieno appoggio nei loro settori di competenza. L'Istituto non è una semplice appendice, ma, per tutta la sua indipendenza, è integrato nell'Arciconfraternita e nel Collegio. Funziona benissimo anche per una grande elasticità che tutti partecipanti dimostrano in questo "triangolo di confine" tedesco-italiano-vaticano di Campo Santo Teutonico.  

Qui non pensiamo solo alla direzione delle istituzioni dell'Arciconfraternita e del Collegio, ma anche ai loro numerosi membri e collaboratori. L'Istituto Romano è un piccionaio di visitatori sia dall'esterno che dall'interno del Collegio. Tutto ciò richiede una continua consultazione e uno sforzo costante con praticamente tutto il personale di casa, anche per l'uso degli ambienti comuni. In tutti questi anni non ho mai vissuto personalmente un accumulo di conflitti a causa di "imperdonabili" errori o malintesi.

DSC 0486 KopieIl successo della cooperazione dipende dai costanti contatti personali e spesso semplicemente dall'"atmosfera", che non può essere fatta, che dipende dalle persone coinvolte ed è quindi in continuo cambiamento. Questo ha molto a che fare con rispetto, attenzione, sincerità e pazienza. Tutto questo è abbastanza ben distribuito qui. In particolare, stimo il perfetto coordinamento con il vicedirettore Prof. Dr. Grohe e la Società per lo Studio della Storia Conciliare. 

Il ringraziamento va soprattutto ai numerosi borsisti, assistenti e liberi collaboratori, uomini e donne. Negli ultimi 10 anni, 14 borsisti hanno vissuto e lavorato presso l'Istituto nella nostra "Görresstrasse" - porta a porta con gli uffici e la biblioteca. Tanti giovani sono stati sostenuti da un istituto che non è ricco. Si tratta di un risultato enorme, e per questo il nostro ringraziamento va interamente agli amici di Roma e della Spagna: hanno finanziato in gran parte i borsisti, che trascorrono fino a quattro anni nell'Istituto. Il contributo maggiore proviene dai due collegi del Campo Santo e dell'Anima, dall'Arciconfraternita e, più recentemente, dall'Universidad San Pablo di Madrid.

Tutti i borsisti hanno sfruttato al meglio il loro tempo. Non solo hanno preso sul serio le proprie ricerche storiche, ma hanno abbracciato le iniziative dell'Istituto e del Collegio. Non si sono allontanati dal lavoro, non si sono nascosti, ma hanno assorbito i tanti suggerimenti della Roma internazionale e hanno imparato a parlare in tutte le lingue. 

Quando si vedono sul sito web i 24 partner di cooperazione scientifica dell'Istituto, che non sono affatto solo sulla carta, ma sono partner efficaci, allora non si può che meravigliarsi, perché i vari tipi di cooperazione si basano più o meno sull'idealismo e sul volontariato. Siamo spinti dallo spirito della ricerca storica senza interessi ideologici. Per questo abbiamo bisogno della libertà, dell'apprezzamento della ricerca intellettuale e disinibita. La Società di Görres, di cui l'Istituto Romano è un istituto straniero, è l'indispensabile supporto in background, senza il quale tutto dovrebbe crollare. I processi di rinnovamento della Società negli ultimi anni hanno reso tutto ciò ancora più evidente. L'apprezzamento del Presidente Prof. Dr. Engler e il costante sostegno del Segretario Generale Dr. Barth sono un enorme aiuto per rendere lo studio il più spensierato possibile per tutti noi.

Tra i pilastri indispensabili dell'Istituto vi sono anche le case editrici, in primo luogo - da tempo immemorabile, per così dire - la casa editrice Herder di Friburgo, e da alcuni decenni anche la casa editrice Schnell und Steiner di Ratisbona. Per quanto riguarda l'editoria, siamo assolutamente privilegiati. In particolare, non si potrebbero desiderare colleghi migliori del Dr. Steimer e della signora Kessler. La commercializzazione della nostra "Römische Quartalschrift" e di varie monografie è stata notevolmente migliorata negli ultimi anni, il che contribuisce alla reputazione dell'Istituto. Per l'editore Dr. Weiland di Schnell und Steiner, il Campo Santo Teutonico fa praticamente parte della sua vita. Da questo, in costante contatto, nascono sempre nuove idee da cui il Campo Santo trae profitto.     

Qui non è una questione di completezza, altrimenti dovrei citare la Direzione, i responsabili della rivista e molti spiriti buoni che spesso pensano e aiutano in background. La mia intenzione è semplicemente quella di dare un piccolo segnale che a Roma si percepisce molto bene quanta musica e quanta vita c'è in tutto l'istituto. Ricordo molto bene quanto fosse giustamente orgoglioso Erwin Gatz, di cui celebreremo il decimo anniversario della morte il prossimo maggio con un piccolo convegno, del suo lavoro di rettore e direttore. Il suo immenso lavoro rimane senza paragoni e merita ancora oggi un profondo rispetto. L'Istituto sta oggi sulle sue spalle e ha continuato a svilupparsi imperterrito negli ultimi dieci anni. 

Non va dimenticato che la Società di Görres è anche una comunità di preghiera, come emerge ogni anno all'Assemblea Generale. Ma pochi probabilmente sanno che l'Arciconfraternita di Campo Santo Teutonico prega espressamente per l'Istituto Romano in ogni messa della fraternità. 

Possa l'Istituto Romano continuare a trovare membri, amici e sostenitori così dotati, così energici e così simpatici! Non esitate a promuovere la Società Görres! Rimanete fedeli a noi - grazie!