Impressioni del viaggio di studio in Israele degli archeologi cristiani I

Il viaggio di studio del Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana (PIAC) in Israele all'inizio di maggio è stato un vero successo. Se non fosse stato per le molte ore di ritardo di Turkish Airlines all'inizio, si potrebbe quasi parlare di un viaggio senza macchia. Con quasi 50 partecipanti è stato un gruppo notevole. Il programma estremamente denso ha lasciato loro appena più di 5-6 ore di sonno la sera. Ma ne è valsa la pena. L'intera organizzazione era nelle mani dei francescani di Terra Santa, in particolare di Amedeo Ricco, che sta facendo il dottorato al PIAC. Il viaggio è stato un mix di archeologia e spiritualità. Coloro che erano in Israele per la prima volta hanno visto tutti i luoghi importanti di Nazareth, Gerusalemme e Betlemme. Coloro che già conoscevano il paese hanno visto molte cose nuove. Personalmente nuova per me è stata la grotta dei profeti sul Monte degli Ulivi, l'impressionante cisterna di Helena sotto la Chiesa del Santo Sepolcro e l'incredibile vista di Gerusalemme dal tetto del convento francescano Flagellazione. S.Heid (da continuare)