Dal Mondo

Quando un papa nomina il suo successore - il caso di Bonifacio II

Di Matthias Simperl

Recenti ricerche dimostrano che il libro dei Papi, il Liber pontificalis di Roma, non è stato in alcun modo scritto come documento di propaganda papale.  Quanto criticamente gli autori dell'opera, probabilmente membri del clero romano urbano, vedessero talvolta il proprio vescovo è reso evidente dal particolare interesse con cui un episodio del pontificato Bonifatiusʾ II. (530-532) è descritto.

La ricerca recente sul libro papale romano sottolinea che il cosiddetto Liber pontificalis non è affatto sviluppato come strumento di propaganda papale nel secolo VI (si vedano nel volume recentemente pubblicato # Link # in particolare i contributi di Verardi, Wirbelauer e Handl). Quanto critici gli autori dell'opera, probabilmente esponenti del clero romano, vedessero talvolta il loro vescovo se mostra nella descrizione dettagliata di un episodio del pontificato di Bonifacio II (530-532). Lo stesso Bonifacio arcidiacono era il candidato preferito del suo predecessore, Felice IV [III] (526-530). Il Liber pontificalis lo elenca come romano, ma il nome di suo padre suggerisce certe radici ostrogote. Tuttavia, una parte significativa del clero romano preferiva il diacono Dioscoro di Alessandria, che poteva contare su una carriera lunga e succevole nell'amministrazione papale. Dioscoro era già stato un serio concorrente di Felice IV. Quando, il 22 settembre 530, in seguito alla morte del Papa, sia Dioscoro che Bonifacio furono elevati a vescovi romani, sembrò che scoppiassero di nuovo vecchi conflitti. Solo la morte di Dioscoro il mese successivo impediva uno scisma a lungo termine. Bonifacio non voleva tuttavia accontentarsi di questo: obbligò il clero romano, che per lo più aveva aderito a Dioscoro, ad anatemarlo postumo. Inoltre, nominava l'arcidiacono Vigilio come suo successore. Questo faceva incazzare molti chierici della città di Roma perché lo vedevano come un'inaccettabile violazione del diritto ecclesiastico. Bonifacio dovette cedere e in un sinodo in San Pietro dichiararsi colpevole di una grave violazione del diritto ecclesiastico e secolare. Il Liber pontificalis sottolinea che Bonifatius ardeva il decreto corrispondente davanti alla “confessione del beato apostolo Pietro” come culmine simbolico della regressione. La storia ha dato ragione sia al clero romano che a Bonifacio: papa Agapito (535-536) ripeté il simbolico rogo dei decreti di Bonifacio e "ripulì così la chiesa", come commentava il Liber pontificalis, "dall'invidia dei disonesti". L'Annuario Pontificio lascia ancora aperta la questione se Dioscoro fosse un Papa legittimo. Vigilio, d'altra parte, divenne papa pochi anni dopo aver costretto l'incombente Silverio (536-537) a rinunciare del ministerio con il sostegno della corte imperiale bizantina. Nella successiva "controversia deii tre capitoli" Vigilio svolteva un ruolo inglorioso, che portava parti dei vescovi dell'Italia settentrionale e dei vescovi del Nord Africa a interrompere la fratellanza con il vescovo romano "fino a quando non si è pentito".

Cosa ha spinto Bonifacio non solo a intraprendere un'azione decisiva contro il suo defunto concorrente, ma anche a voler organizzare allo stesso tempo il suo successore? Era solo risentimento, come suggeriscono gli autori del Liber pontificalis? Dominic Moreau ha recentemente avanzato una proposta interessante per la doppia elezione del 530: secondo lo storico francese, l'elezione è arrivata all'orizzonte di nuove controversie con Bisanzio. Dioscoro avrebbe fatto affidamento su una politica conflittuale per preservare la fede calcedoniana. Bonifacio, d'altra parte, rappresentava l'equilibrio e la moderazione. Vigilio sembrava a Bonifacio forse il più adatto a continuare una politica di "pacificazione". Il fatto che un Papa possa andare contro la legge ecclesiastica nel modo di Bonifacio II deve essere sembrato oltraggioso a molti contemporanei medievali: l'autore di una versione abbreviata gallica del Liber pontificalis di conseguenza prende solo il nome e la durata del pontificato dalla sua bozza per Bonifacio e salva ogni ulteriore descrizione. Sullo sfondo degli eventi del VI secolo, si può dire che se – dopo la morte o la rinunciazione di un papa – i cardinali scelgono il suo successore, esercitano un diritto della chiesa romana, la cui continuazione devono alla fermezza dei loro predecessori nel VI secolo.