Drucken

Suggerimenti di lettura

Professore al Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana: il convertito Erik Peterson

Erik Peterson (1890-1960) fu professore di teologia protestante a Bonn prima della sua conversione a Roma nel 1930, che segnò l'inizio di un periodo estremamente difficile della sua vita, principalmente a causa della sua opposizione a tutto il cattolicesimo politico e quindi anche al nazionalsocialismo. Giancarlo Caronello e Antonio Zani stanno pubblicando le opere di Peterson in undici volumi in italiano. Ora è apparso il decimo volume, la traduzione di "Chiesa antica, giudaismo e gnosis" (orig. 1959). Il volume è stato anche sponsorizzato dalla Fondazione Vaticana Joseph Ratzinger, poiché Ratzinger conosceva e apprezzava Peterson.

Come un'altro professore di Bonn, Franz Joseph Dölger, Peterson era un maestro di saggi in filigrana su certi aspetti dell'antichità e del cristianesimo antico. Questi saggi sono qui raccolti, 23 in tutto. Per esempio, i suoi contributi sull'orientamento della preghiera cristiana antica sono autorevoli fino ad oggi.... Tratta anche il problema del nazionalismo nel primo cristianesimo, il martirio di Pietro (che ancora oggi da alcuni sstudiosi viene negato), la nave come simbolo della Chiesa (Benedetto XVI amava parlare della Chiesa che oggi minaccia di affondare nell'impeto della tempesta), le porzioni di cibo (molto notevoli per la storia della liturgia), l'allora appena scoperta didaché e molto altro.

Peterson ha insegnato letteratura cristiana antica e poi anche "Antichità e Cristianesimo" al Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana dal 1937 fino alla sua morte, quindi ha certamente presentato anche molto di ciò che il presente libro offre ora. L'Istituto può essere orgoglioso di questo insegnante, anche se ha avuto un periodo a volte difficile nel collegio dei professori. In occasione del centenario dell'Istituto, è previsto un libro in cui saranno presentate e apprezzate tutte le discipline e i loro rappresentanti durante i cento anni 1925-2025. Peterson non mancherà di certo qui.

al libro