Il giornalista Kronawitter sul Campo Santo

Forse anche perché ha lo stesso nome di battesimo - Max - il noto regista e giornalista Kronawitta presenta il prete di Kellberg Max Schwarz (1879-1943) in un libretto illustrato. Non è erudito, ma presenta amorevolmente e con molti tocchi biografici propri - Kronawitter viene da Kellberg - un prete della diocesi di Passau che è anche significativo per il Campo Santo Teutonico. Perché Max Schwarz ha vissuto lì dal 1908 al 1910. Durante questo periodo, anche lo storico Franz Joseph Dölger, più tardi molto influente, era al collegio.  

Kronawetter dedica sei pagine al Campo Santo e menziona anche l'Istituto Romano della Società Görres. Schwarz, i cui genitori possedevano una panetteria e una locanda a Kellberg (una vecchia cartolina con "Gasthaus u. Bäckerei Gg. Schwarz" è attualmente all'asta su ebay), era senz'altro uno spirito teologicamente vivace, ma rimase parroco per tutta la vita: a Tann, Pfarrkirchen, Kirn e Grattersdorf. Predicava contro il nazionalsocialismo, pubblicava sulla rivista "Hochland" ed era in contatto con i fratelli Scholl a Monaco.

L'opuscolo "Vom Wirtshaus in den Vatikan. Der Kellberger Pfarrer Max Schwarz" probabilmente non è disponibile in libreria.

contatto