Lucia Longo: Artisti e Mercanti in viaggio attraverso le Alpi

Lucia Longo-Endres, membro della Società di Görres e docente di storia dell'arte moderna all'Università di Trento, si occupa principalmente degli scambi d'arte tra Germania e Italia nel periodo rinascimentale e barocco. Ora ha pubblicato una miscellanea sugli artisti che hanno attraversato le Alpi passando per il Tirolo. Contiene, per esempio, un contributo di Rainald Becker sulla cartografia del Tirolo, di Alois Schmid su Ratisbona come centro del commercio dell'Alta Germania con l'Italia, di Wolfgang Augustyn sull'iconografia della Sibilla e numerosi altri contributi interessanti.

 20210214213739653 0001 2Notevole è un doppio argomento rappresentato: osterie e taverne! Chi avrebbe mai pensato che le testimonianze d'arte sono state conservate! Lucia Longo e Harald Wolter-von dem Knesebeck si dedicano a questo argomento. Sulla facciata dell'Osteria all'Aquila Nera a San Michele all'Adige si è conservato un delizioso dipinto del 1500 circa, che raffigura una scena di benvenuto (vedi foto). Una donna di lingua tedesca saluta un uomo lombardo. Lei dice: "Das Gasthauss da reden die Gest. In du... ft pab... das si den... wirt mi..." L'uomo dice: "ala aquila rossa se ... chiama quest hostaria esie...i che vene da lumbardia e chi intra bisogna aver .... dinazi ovez ...gno". Chiunque entri nella locanda, di cosa pensi che avrà bisogno? I soldi? Sete?

Wolter-von dem Knesebeck tratta le taverne della regione alpina come luoghi di ospitalità cerimoniale nello specchio delle pitture murali di Diessenhofen, Merano, Brunico, Terlano e Pfunds, con frecciate al clero, ai contadini e alle donne. Viene rappresentata la vita degli abati Schlaraffen, l'Abbas Cucaniensis dei Carmina Burana: "Io sono l'abate Schlaraffen, e i miei consiglieri sono i giostrai, e il mio amore è per l'ordine di Decio (patrono dei giocatori di dadi), e chi mi cerca nella taverna al mattino, dopo il vespro la lascerà nuda, e così, privato della sua veste, griderà: Mordio, mordio!". La parabola della volpe mette in guardia dalla credulità. Ma anche l'amore, la caccia e la gloria mondana sono apprezzate.

al libro