Video sul nuovo libro di Klaus Jaitner

Una brillante panoramica del contenuto e del valore del nuovo libro di Klaus Jaitner è data da Ignacio García sul nostro canale Youtube. Jaitner è stato assistente all'Istituto Romano della Società Görres nel 1972/73. Il suo nuovo libro pubblicato (nel prossimo maggio) dalla Casa Editrice Herder (nei supplementi della Römische Quartalschrift) si occupa della diplomazia papale nel tardo XVI secolo, ma offre anche ricchi approfondimenti sull'apparato amministrativo vaticano.

Video

Archeologia Cristiana a Münster da 135 anni

Dieter Korol e il suo successore Pamela Bonnekoh hanno pubblicato un libretto su 135 anni di ricerca e insegnamento dell'archeologia cristiana alla Westfälische Wilhelms-Universität Münster. È dedicato a Josef Engemann, il primo professore universitario della provincia Nord Reno-Westfalia a insegnare l'archeologia cristiana come materia indipendente in una facoltà filosofica (a Bonn). La storia dell'archeologia cristiana a Münster è, naturalmente, molto più antica. Iniziò nel 1885 con il sacerdote Max Sdralek alla Facoltà Teologica Cattolica.

Lucia Longo: Artisti e Mercanti in viaggio attraverso le Alpi

Lucia Longo-Endres, membro della Società di Görres e docente di storia dell'arte moderna all'Università di Trento, si occupa principalmente degli scambi d'arte tra Germania e Italia nel periodo rinascimentale e barocco. Ora ha pubblicato una miscellanea sugli artisti che hanno attraversato le Alpi passando per il Tirolo. Contiene, per esempio, un contributo di Rainald Becker sulla cartografia del Tirolo, di Alois Schmid su Ratisbona come centro del commercio dell'Alta Germania con l'Italia, di Wolfgang Augustyn sull'iconografia della Sibilla e numerosi altri contributi interessanti.

Klaus Jaitner: I papi, la corte pontificia e la diplomazia

A maggio il nuovo libro di Klaus Jaitner "Instruktionen und Relationen für die Nuntien und Legaten an den europäischen Fürstenhöfen von Sixtus V. bis Innozenz IX. (1585-1591)" sarà pubblicato. È pubblicato come il 68° volume supplementare della Römische Quartalschrift. Dalla sua fondazione nel 1888, l'Istituto Romano della Società Görres si occupa dei rapporti di nunziatura a partire da Sisto V (1585). Da questo punto di vista, il nuovo volume si inserisce perfettamente in questa tradizione. Non si limita affatto a fornire un'edizione delle istruzioni papali e delle realzioni dei diplomati, ma descrive i papi, le loro autorità di curia, la loro corte e la loro politica del personale nell'ultimo quarto del XVI secolo.

Enrico Denifle O.P. - stimato e talvolta temuto

Il frate domenicano Heinrich Denifle, originario del Tirolo (1844-1905), ha una reputazione negativa duratura anche negli ambienti cattolici, perché era un cattolicissimus che credeva di dover emettere, sulla base delle sue ricerche,  un giudizio negativo sulla personalità di Lutero, al quale forse non era del tutto dissimile per temperamento. La storiografia cattolica ha impiegato molto tempo, in nome dell'ecumenismo, per riparare questa macchia. Il fatto che Denifle, come subarchivista dell'Archivio Segreto Vaticano, abbia molti altri lati è dimostrato in un volume di conferenze presentate da Andreas Sohn, Jacques Verger e Michael Zink. Il volume risale a una conferenza a Parigi nel dicembre 2012.

Un libro sulla pastorale di Roma nel XX secolo

Ignacio García apre la serie di presentazioni di libri sul canale YouTube del RIGG con una presentazione estremamente istruttiva del libro di Andrea Riccardi sulla pastorale della diocesi cittadina di Roma nel XX secolo sotto Pio XII, Giovanni XXIII, Paolo VI e Giovanni Paolo II: Roma: La Chiesa e la città nel XX secolo. In questo tempo la pastorale di Roma si sviluppò da una amministrazione vaticana a una vera e propria diocesi con strutture proprie. Il libro è il primo volume di una nuova serie "Roma, Chiesa e Città. Una storia contemporanea".

Video

Libro su Ludwig von Pastor - lo storico dei papi

Ludwig von Pastor (1854-1928) è noto come storico dei papi. Meno noto è il fatto che sia stato membro del consiglio di amministrazione ("Leitende Komité") dell'Istituto romano della Società di Görres fin dalla sua fondazione nel 1888.  Nella primavera del 2018 si è svolto a Campo Santo Teutonico e all'Ecole Francaise un convegno organizzato da Andreas Sohn e Jacques Verger, i cui lavori sono ora disponibili in stampa.

Catalogo di tutti i vetri tardoantichi figurati

La casa editrice Schnell und Steiner ha pubblicato un corpus in due volumi di tutti i vetri incisi figurativamente della tarda antichità. L'opera monumentale di Stefanie Nagel contiene molte sorprese. Ad esempio, Nagel ha scoperto i vetri della collezione Campo Santo Teutonico che si pensava fossero andati perduti (nel suo catalogo, n. 14, 168, 213-216, 237-241, 243) nella Collezione Archeologica di Monaco di Baviera. Non si sa come ci siano arrivati. Per ulteriori vetri perduti dal Campo Santo vedi Wohnen wie in Katakomben (tavole 23-24). Il catalogo elenca un totale di 373 oggetti con rappresentazioni profane, mitologiche e cristiane. Non vengono però trattati i vetri d'oro. Il primo volume tratta la tecnica e forma dei vetri figurati.

al libro

Annales Historiae Conciliorum adesso più economico

La rinomata rivista Annuarium Historiae Conciliorum, fondata dal cardinale Walter Brandmüller, sarà ora continuata dalla casa editrice Aschendorff con il titolo Annales Historiae Conciliorum a partire dal 2020 per motivi di diritto editoriale e a beneficio dei clienti. Il volume annuale costa ora solo un sensazionale 69,- Euro (istituzioni 129,-). Il layout è più bello, il servizio clienti migliore. Tutti i precedenti abbonati all'AHC possono ora registrare il loro abbonamento presso la casa editrice Aschendorff (ISSN: 2702-8631), per risparmiare subito soldi. Come prima, i redattori della rivista sono Johannes Grohe (Roma) e Thomas Prügl (Vienna).

AHC nuovo     contenuto AHC 2020

Letteratura ed archeologia petrina

La nuova collana "Roma e il protestantesimo", edita dal Centro Melantone di Roma, è già al suo quarto volume, dedicato a "Petrusliteratur und Petrusarchäologie" (2020), a cura di Jörg Frey (Zurigo) e Martin Wallraff (Monaco). Il volume tenta di cogliere uno stato di ricerca approssimativamente consensuale, decisamente sulla base della ricerca protestante, che ha contribuito non poco al progresso scientifico. La tendenza è quella di vedere la figura di Pietro come un elemento narrativo precoce e come un lieux de mémoire legato a Roma, anche se questo non elimina la difficile domanda storica: "Pietro era a Roma? Il volume non la decide a favore della radicale negazione di Heussi e Zwierlein, né si batte per una dichiarazione sulla plausibilità storica della tradizione petrina romana, ma si accontenta di simpatizzare con essa..   

Rom und Protestantismus